Stranieri in Italia
Documenti
Salute
Permessi di Soggiorno


Rubriche
Abbiamo scoperto per voi
Arte
Calcio
Fifa World Cup 2010
Motomondiale
Formula 1
Sessualità
Calendari
Scienza
Made in Italy
Musica
Pittura
Turismo
Musei Italiani
Musei Vaticani
Link Utili
Orari Treni
Orari Aerei
Meteo
Elenchi telefonici
Oroscopo
Grafologia
Dizionari Online
Oggi al Cinema
Speciale Calendari 2010
 
 
  La Russia taglia il gas alla Bielorussia
 

Gazprom rassicura l'Ue: non sarà una crisi lunga

Mosca - Il gigante petrolifero russo Gazprom ha iniziato stamane alle 10:00 (le 08:00 ora italiana) il taglio del gas metano diretto alla Bielorussia, dopo un ennesimo scacco nella ricerca di un accordo sulla questione. Stamane, il presidente russo Dmitri Medvedev ha ordinato il taglio del metano per Minsk, dopo che i colloqui fra le due parti non hanno avuto esiti. Mosca rivendica un debito bielorusso di 192 milioni di dollari, Minsk avanza un mancato pagamento russo di 200 milioni dui dollari.

Nei giorni scorsi la Bielorussia di Aleksandr Lukashenko ha minacciato di chiedere al Brasile contratti per i metano, ma la faccenda rimane sospesa. La Russia lascerà a Minsk un 15% del gas, per poter riprendere in fretta, e a prezzi maggiori, la fornitura di metano. L’Europa non deve temere per il nuovo braccio di ferro sul gas ingaggiato da Gazprom con la Bielorussia. La rassicurazione arriva da una fonte vicina al colosso russo del metano, citata da Interfax, a riduzione del flusso di metano verso la Bielorussia avviata da un paio d’ore, con un taglio del 15% che Gazprom conta possa essere sufficiente a convincere Minsk a trovare un accordo. All’orizzonte non c’è nulla di simile alla crisi con l’Ucraina, dice la fonte. Perchè la società bielorussa del gas «Beltrangaz non ha paragonabili margini di manovra», argomenta, e perchè il sistema bielorusso non permette di «ridistribuire le risorse all’interno della rete nazionale», ovvero non permette di sottrarre e stoccare volumi di metano da usare in caso di taglio completo delle forniture. «Saranno costretti a trovare un accordo, e in fretta», conclude la fonte. Intanto Gazprom ha cominciato alle 8 italiane a ridurre il flusso del gas verso la Bielorussia. Per ora si tratta di una diminuzione del 15%, ma in assenza di un accordo il taglio delle consegne proseguirà per arrivare «gradualmente all’85%» ha detto il numero uno del gruppo russo, Aleksej Miller. Gazprom afferma che Minsk le deve 200 milioni di dollari per il gas fornito da inizio anno, mentre la Bielorussia sostiene che è Mosca a doverle 200 milioni di dollari per il transito di gas verso l’Europa.

Da anni il gruppo russo ha problemi per i pagamento degli arretrati da parte della Bielorussia e l’ha minacciata ripetutamente di ridurre le forniture in caso di mancato pagamento. La vertenza è seguita da vicino dai clienti europei di Gazprom, che temono l’interruzione delle forniture, dato che il 20% dell’import di gas dalla Russia transita dalla Bielorussia. Il resto passa dall’Ucraina.
La Stampa del 21/06

HalloItalia.it propone...
Telefono? Nessun problema...

Crea il tuo biglietto da visita

La più grande libreria Mondadori della rete...
Speciale Calendari 2010
Articoli sportivi
Guadagnare col proprio sito

La moda su internet

Mutui su misura
Auto & Motori Online...
 
Giorni scorsi
 
Copyright © 2002 AKME marketing & information services s.r.l.