Stranieri in Italia
Documenti
Salute
Permessi di Soggiorno


Rubriche
Abbiamo scoperto per voi
Arte
Calcio
Fifa World Cup 2010
Motomondiale
Formula 1
Sessualità
Calendari
Scienza
Made in Italy
Musica
Pittura
Turismo
Musei Italiani
Musei Vaticani
Link Utili
Orari Treni
Orari Aerei
Meteo
Elenchi telefonici
Oroscopo
Grafologia
Dizionari Online
Oggi al Cinema
Speciale Calendari 2010
 
 
  Gaza: Israele rivede modalità del blocco
 

Dopo le numerose proteste internazionali per i fatti degli ultimi giorni, Israele sembra intenzionato a rivedere le modalità del blocco commerciale che sta affliggendo la striscia di Gaza.

Gerusalemme - Israele sta valutando le modalità per alleggerire il blocco di Gaza. Lo ha detto oggi il ministro del Welfare Isaac Herzog, che ha definito controproducente l'attuale politica e ha confermato le parole dell'inviato per il Medio Oriente Tony Blair, secondo cui il cambiamento è probabile.

"E' tempo di porre fine alla chiusura nella sua forma attuale. A Israele non porta nulla. Da un punto di vista diplomatico, provoca grandi problemi di immagine", ha detto Herzog a Radio Israele.

Il ministro ha detto che Israele ha informato Blair - il quale a sua volta ha spiegato la situazione ieri ai ministri degli Esteri Ue - che intende "permettere un più semplice passaggio dei beni" verso la Striscia di Gaza.

"Al momento, stanno lavorando sui dettagli tecnici... di una formula aggiornata che impedirebbe anche il contrabbando di munizioni verso la Striscia".

La pressione internazionale affinché Israele tolga o alleggerisca il blocco quella che lo Stato ebraico definisce la "chiusura" dell'enclave è aumentata, in particolare dal sanguinoso raid israeliano del 31 maggio scorso contro una flottiglia che portava aiuti verso Gaza.

Ieri Blair ha detto che Israele ha espresso il proprio accordo di principio a iniziare ad alleggerire il blocco di Gaza nel giro di alcuni giorni. Nelle sue dichiarazioni, Herzog non ha indicato un calendario per rivedere la propria politica in merito.

Israele ha imposto il blocco poco dopo la vittoria elettorale a Gaza, nel 2006, del movimento fondamentalista Hamas. Le misure sono state rese ancora più stringenti dopo che nel 2007 Hamas ha preso il potere.

La Ue vuole che Israele accetti l'ingresso di tutti i prodotti destinati a Gaza, proibendone solo alcuni indicati in una lista.
Ori Lewis per Reuters del 15/06

HalloItalia.it propone...
Telefono? Nessun problema...

Crea il tuo biglietto da visita

La più grande libreria Mondadori della rete...
Speciale Calendari 2010
Articoli sportivi
Guadagnare col proprio sito

La moda su internet

Mutui su misura
Auto & Motori Online...
 
Giorni scorsi
 
Copyright © 2002 AKME marketing & information services s.r.l.